maltrattamento contro i bambini

Maltrattamento e abuso sui bambini

Perchè esiste il maltrattamento e l’abuso? Noi esseri umani siamo le più complesse e contorte creature viventi. Possiamo amare, proteggere, istruire ed arricchire, ma ugualmente umiliamo, odiamo, distruggiamo e uccidiamo. Ancora oggi non riusciamo a comprendere perché siamo la specie più crudele e spietata che sia mai comparsa sulla faccia della terra, e innumerevoli sono gli studiosi che nei secoli hanno cercato di dare una spiegazione alla violenza umana producendo decine di migliaia di libri in tutto il mondo

Quando si è iniziato a parlare in modo serio delle conseguenze della violenza?

Solo recentemente l’attenzione dei ricercatori è stata posta in modo rigoroso sulle conseguenze della violenza, attenzione sviluppatasi alla fine degli anni settanta negli Stati Uniti a seguito dell’enorme numero di ex soldati gravemente sofferenti al termine della guerra del Vietnam, particolarmente spietata e traumatica per coloro che con ruoli differenti l’hanno vissuta.

Nel tentativo di aiutare le vittime di guerra, dei campi di concentramento, dei disastri naturali (troppo spesso provocati dall’uomo), si è incominciato a capire quanto sia emotivamente vulnerabile la nostra specie, quanto gli essere umani siano indispensabili gli uni agli altri e quali devastanti, ed a volte irrimediabili, danni vengano arrecati all’individuo che viene esposto a gravi violenze.

E del maltrattamento e dell’abuso?

Un contributo determinate allo studio del trauma e delle origini della violenza è stato portato da alcuni importanti psicologi Horner, Bowlby e Kohut, i cui lavori sono stati sintetizzati e rielaborati da Felicity De Zulueta nel suo straordinario lavoro su queste tematiche. De Zulueta ha avuto la capacità straordinaria di riscrivere in modo semplice e facilmente comprensibile concetti difficili e molto importanti. “Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell’aggressività” il suo libro più bello, che tutti dovrebbero leggere, anche i non addetti ai lavori! Per centinaia di anni la violenza contro i bambini, i maltrattamenti e gli abusi, l’abuso sessuale e la violenza sessuale contro i bambini era generalmente tollerata, non condannata o nel migliore dei casi non considerata un grave danno per coloro che la subivano ed ancor meno per la società in generale.

Quale è l’origine dei comportamenti violenti?

Dagli psicologi sopra citati viene messa in evidenza l’importanza delle relazioni interpersonali, in particolare di quelle precoci, nel determinare il modo in cui percepiamo noi stessi e ci comportiamo gli uni con gli altri. Viene individuata l’origine di molti comportamenti violenti,  e dei maltrattamenti e degli abusi  contro i bambini, nella perdita precoce di relazioni di attaccamento significative, nella deprivazione affettiva, in maltrattamenti subiti durante l’infanzia.

De Zulueta afferma che la violenza può essere considerata come il risultato del fallimento dell’accudimento, definendolo il prodotto di “un attaccamento andato a male”.

Milioni di bambini nel mondo sono vittime o testimoni di maltrattamenti e abusi, di violenza sessuale e di violenze in generale. Maltrattamenti e abusi che si verificano in famiglia, nella scuola (negli Stati Uniti è diventato ormai quasi normale che i ragazzini si rechino a scuola armati), nella comunità in genere.

Ma che cosa si intende per “violenza”?

Nel definire un comportamento come “violento” non possiamo prescindere dal dare un significato ad una forma di comportamento interpersonale, ed anche se questa valutazione potrebbe sembrare completamente oggettiva in realtà non lo è affatto. Il modo con cui un individuo percepisce il mondo e da significato a ciò che accade attorno a lui è fortemente collegato al senso di sé,  alla cultura in cui viene allevato, ai valori di riferimenti della società in cui vive.

Ancora oggi, nonostante gli enormi progressi che la nostra società ha fatto rispetto al riconoscimento dei bisogni dei bambini e degli adolescenti, il maltrattamento e l’abuso, così come la violenza sessuale contro i bambini,  rimane in gran parte non riconosciuto, sottovalutato nella sua diffusione e nelle sue conseguenze.

La violenza sessuale ed il maltrattamento e l’abuso come vengono trattati nella nostra società

Una società funziona in modo direttamente proporzionale alle pratiche di accudimento e di educazione dei propri bambini. Se i bambini sono ignorati, male istruiti e non sono protetti dalla violenza, si svilupperanno adulti che creano una società reattiva, non creativa e soprattutto violenta. Tutte le società raccolgono ciò che hanno seminato, ed i semi sono proprio i bambini.

Oggi, benchè siano ormai innumerevoli ed inequivocabili le ricerche che dimostrano che tanto è maggiore la traumatizzazione di un individuo tanto più elevato è il rischio che quel soggetto sviluppi comportanti violenti, la società continua a non investire quasi alcuna risorsa per cercare delle risposte adeguate al fenomeno del maltrattamento e abuso. Non si investono risorse per pervenire il maltrattamento e l’abuso. E quando il maltrattamento e l’abuso sessuale contro i bambini è già stato messo in essere, poco o nulla viene fatto per curarne i danni affinchè il ciclo della violenza non si perpetui.

La comunità continua a dare risposte semplicistiche e del tutto inadeguate al maltrattamento e all’abuso sui bambini, forse anche perchè ancora non si è compreso fino in fondo il rapporto indelebile fra le esperienze iniziali della vita di un individuo e la sua salute mentale una volta diventato adulto, la sua capacità di controllare la propria aggressività, la sua disponibilità a cooperare con il prossimo.

abuso sessuale sui bambini

Psicologo esperto nella cura dell’abuso sessuale sui bambini

Quando nell’infanzia si ha la sfortuna di vivere in situazioni di violenza, come maltrattamenti e abusi, o violenza sessuale sui bambini, è probabile che anche in età adulti le conseguenze emotive di quei traumi si facciano ancora sentire. Molto spesso donne e uomini che hanno vissuto da bambini abusi sessuali o maltrattamenti, hanno necessità di chiedere un aiuto psicologo esperto nella cura dei traumi, per riuscire con la psicoterapia a lasciarsi alle spalle le gravi esperienze traumatiche vissute. Oggi si può utilizzare anche la consulenza online, una risorsa innovativa e moderna per svolgere un lavoro serio ed efficace anche per la cura del PTSD.

Dottoressa Cristina Roccia, psicoterapeuta, trent’anni di esperienza. Lavoro online