Articoli

LA TRAUMATIZZAZIONE VICARIA: IL TRAUMA DI CHI SOCCORRE.

Normalmente
quando si pensa alle persone traumatizzate ci si riferisce a chi ha
direttamente vissuto un evento sconvolgente. In realtà essi rappresentano
soltanto una fetta della torta.

Secondo
la classificazione proposta da Taylor e Frazer, che suddivide le vittime di
incidenti critici per livelli a seconda del grado di prossimità e
coinvolgimento all’evento, il personale del Soccorso e le Forze dell’ordine
sono classificate  come vittime di terzo
livello. Questi operatori si trovano spesso a lavorare in contesti molto
difficili, cercando di fornire un aiuto efficace a persone che si trovano in
condizione di pericolo. Nonostante essi tendenzialmente sviluppino col tempo
una soglia di tolleranza agli eventi traumatici piuttosto alta, può capitare
che anch’essi vadano incontro a disturbi psicopatologici.
Si
tratta della cosiddetta traumatizzazione vicaria o secondaria: l’operatore si
ritrova a vivere egli stesso un’esperienza traumatica, non per esposizione diretta,
ma per il contatto con la persona traumatizzata. In altre parole essi possono
ritrovarsi a “vivere” il trauma di un’altra persona in qualità di soccorritori,
parenti, o amici della vittima stessa.

In
questi casi è fondamentale non attendere che i sintomi svaniscano, perché nel
tempo essi potrebbero intralciale le normali capacità lavorative.
Se
vi trovate in questa situazione, sappiate che prendere in mano il problema è la
cosa più utile da fare: chiamate uno specialista che vi aiuti ad elaborare la
brutta esperienza.
Synergia
Centro Trauma è specializzato nella diagnosi e cura al trauma psichico.
CHIAMACI SE HAI BISOGNO DI UN AIUTO: 3315049340  oppure  3356765376.

Al telefono risponderà sempre una psicologa con cui potrai prendere un appuntamento o a cui potrai chiedere informazioni.