Articoli

Convegno: IL MALTRATTAMENTO ALL’INFANZIA.


Giornata di studio dal titolo: 

"IL MALTRATTAMENTO ALL'INFANZIA: aspetti di prevenzione, rilevazione e cura"

18 marzo 2016 

L'incontro, organizzato dal CISMAI, si terrà presso lo Spazio Conferenze di Via Massaua 6 a Milano dalle ore 9.00 alle ore 17.00 circa.

Vi proponiamo il volantino informativo dell'evento contenente il programma:
http://www.centrocta.it/newsletter/CISMAI.pdf

e la relativa scheda di iscrizione:
http://www.centrocta.it/newsletter/Modulo_iscrizione_CISMAI.doc


20 NOVEMBRE 2015: GIORNATA INTERNAZIONALE DELL’INFANZIA.

UNO SPOT SULLA DIVERSITA’ CON I “BRACCIALETTI ROSSI”.


“Un tema forte, centrale, su cui sensibilizzare giovani e adulti: la diversità come valore, in tutte le forme in cui si manifesti, di ceto sociale, religione, razza, orientamento sessuale, cultura.

Uno spot di 30″ che però ha la forza di arrivare a un pubblico vasto, perché ad interpretare il breve filmato sono alcuni dei ragazzi di Braccialetti Rossi, la serie diventata fenomeno fra i giovani, veicolo eccezionale di valori positivi.


E’ anche per questa ragione che il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Vincenzo Spadafora ha chiesto la collaborazione di quattro dei protagonisti della serie e così è nato uno spot molto speciale che verrà trasmesso dalla RAI, da Mediaset, da La7 e da altri canali TV, proiettato nei cinema, distribuito su alcuni circuiti e pubblicato sul sito dell’Authority (www.garanteinfanzia.org) e su diverse piattaforme online. L’occasione è data dal 20 novembre, Giornata internazionale dell’infanzia, che da sempre è un momento di iniziative, riflessioni, proposte e impegni da prendere a favore di bambini e adolescenti.


Spiega il Garante: «Si vedono troppi episodi di intolleranza, di non accettazione di chi la pensa o si comporta diversamente da noi. E’ dal confronto e dal dialogo che si costruiscono modelli di convivenza e si migliora la realtà. I Braccialetti Rossi hanno avuto una presa sui giovani senza eguali e sono diventati in qualche modo dei “modelli” perché non rinunciano al proprio futuro, perché credono nell’amicizia, perché non si chiudono in sé stessi, ma si aprono agli altri, perché non si arrendono».


La “storia” raccontata nello spot è riassumibile in poche parole: due gruppi di ragazzi su una spiaggia, quasi due mondi. Tanto che alcuni dei ragazzi del secondo vengono mandati via in malo modo perché non affini, non omologati, diversi. Invece dell’accettazione e del confronto (persino della curiosità), l’esclusione. «La diversità è una ricchezza», ricorda la ragazza del secondo gruppo.”

CONVEGNO


“lI DSM scopre le esperienze traumatiche.
Le conseguenze nelle buone prassi cliniche.” 

Venerdì 23 gennaio 2015 


Auditorium don Giacomo Alberione 

via Giotto, 36 – MILANO 
(Raggiungibile con MM rossa fermate Buonarroti/Pagano/Wagner)

La cura del trauma subito durante l’infanzia, che lascia segni profondi ed incide sulla personalità e sulla vita fino all’età adulta, è divenuta ormai una sfida che interessa le professioni d’aiuto. A lungo lo stesso tema del trauma era stato ignorato, negletto, determinando, di fronte ai gravi malesseri psichici conseguenti, diagnosi che non permettevano di individuare percorsi risolutivi. 
Il fatto che il DSM nella nuova edizione abbia introdotto finalmente una attenzione alla tematica del trauma rappresenta una interessan-te novità che è il caso di considerare e approfondire. Non parliamo soltanto del capitolo Disturbi correlati a eventi traumatici e stressanti, ma anche di molti altri capitoli in cui il trauma è riconosciuto come fattore originante e/o aggravante delle patologie. 
Proponiamo un convegno di studio e approfondimento sul tema, con particolare attenzione alla nuova formulazione del disturbo da stress post-traumatico (PTSD) nel DSM-5 e alle conseguenze per la prassi clinica. 
L’evento si svolgerà con momenti di comunicazione frontale, di attivazione dei partecipanti e dibattito. 

Il convegno è rivolto in particolare a: 
psichiatri, neuropsichiatri, psicoterapeuti, psicologi, 
medici, specializzandi delle scuole di psicoterapia 

Costi: 
60 euro per i professionisti 
30 euro per gli specializzandi delle scuole di psicoterapia 


Informazioni e prenotazioni:

Programma:

Ore 8.30 – 9.00        Accoglienza e registrazione 
Ore 9.00 – 9.30        Saluti e benvenuto, Gilberto Sbaraini 
                                Introduzione al convegno, Ulla Seassaro 
Ore 9.30 – 11.00      Le novità nel DSM-5 nel campo delle esperienze traumatiche. 
                                Le    conseguenze nella ricerca sul rapporto tra traumi e patologie, 
                                Vittoria Ardino 

Ore 11.00 – 11.15    Coffee break 

Ore 11.15 – 13.00    DSM-5: assessment del trauma in età evolutiva e sfida per i Servizi, 
                                Vittoria Ardino 
Ore 13.00 – 14.00    Pausa pranzo 

Ore 14.00 – 17.30    Tavola rotonda, Chairman Vittoria Ardino 
Ore 14.00 – 15.30    Confronto tra Matteo Selvini e Giovanni Tagliavini sulle conseguenze 
                                nei percorsi di cura e nell’assetto dei Servizi per i soggetti adulti 

Ore 15.30 – 15.45    Coffee break 

Ore 15.45 – 17.00    Confronto tra Marinella Malacrea e Adriano Bonomi sulle     
                                conseguenze nei percorsi di cura e nell’assetto dei Servizi per i bambini 
Ore 17.00 – 17.30    Dibattito e conclusioni 


Relatori:
Gilberto Sbaraini, Presidente cooperativa La Strada, Milano 
Ulla Seassaro, Psicologa e Psicoterapeuta, Centro Tiama – La Strada, Milano 
Vittoria Ardino, Ricercatrice alla London School of Economics e Presidente della Società italiana per lo studio dello stress traumatico. Londra – Milano 
Matteo Selvini, Psicologo e Psicoterapeuta, Direttore Scuola di Specializzazione Mara Selvini Palazzoli, Milano 
Giovanni Tagliavini, Psichiatra e Psicoterapeuta, Board Member ESTD (European Society for Trauma and Dissociation) Milano – Arona 
Marinella Malacrea, Neuropsichiatra e Psicoterapeuta, Responsabile Scientifico Centro Tia-ma – La Strada, Milano 

Adriano Bonomi, Psicologo e Psicoterapeuta, Responsabile Consultorio Familiare Distretto 5 ASL città di Milano