BAMBINI E RAGAZZI CON PROBLEMI EMOTIVI

Molto spesso mi capita di incontrare nel mio studio genitori preoccupati per il loro figlio, che ha comportamenti difficili da gestire. Il più delle volte si tratta di comportamenti che nascondono un disagio emotivo che il bambino o ragazzo nutre dentro di sé e non riesce ad esprimere una altro modo.
Come si fa allora ad aiutare questi bambini/ragazzi a simpatizzare con le emozioni che provano e questi genitori a gestirli meglio?
PRIMA REGOLA. I FIGLI IMPARANO DAI PROPRI GENITORI.
Che uno lo voglia o no, il genitore è sempre un esempio per il figlio. Perciò, si può usare questa regola a proprio vantaggio. Se, per esempio, il bambino agisce comportamenti aggressivi che esprimono in modo corporeo la rabbia che prova, il genitore allora potrà farsi portatore di un modo più costruttivi di esprimere la propria rabbia: quando il genitore si arrabbia, egli per primo dovrà ricordarsi di essere d’esempio per il figlio e cercare di esprimere quella rabbia in parole e imparare a controllarla. Così il figlio potrà più facilmente apprendere un modo più efficace di esprimere ciò che ha dentro.. senza la paura di essere vissuto come cattivo.
Pensate se il genitore continuasse a urlare quando è arrabbiato o addirittura ad alzare le mani. Che insegnamento ne potrebbe trarre il figlio?? …Che quando si è arrabbiati si alza la voce e anche le mani! Certo, magari quello non è l’insegnamento che razionalmente il genitore gli ha dato, ma nella pratica quotidiana è quello che gli ha trasmesso.
Queste sembrano banalità, ma la sostanza è in realtà ben più profonda. 
Fare i genitori è il mestiere più difficile al  mondo perché nessuno ce lo insegna. Lo si impara soltanto facendolo e sbagliando!!! Ma la cosa più importante è che la perfezione è soltanto un’idea. Ognuno sbaglia e in fondo ce lo si augura anche un po’ …… perché sbagliando si impara, ci si mette in discussione e si evolve!
Certo il discorso è un tantino più complesso di così.
Però… cari genitori, non pensiate di fare una brutta figura a venire dallo psicologo. E’ più avanti una persona che sa farsi le domande e sa mettersi in discussione, piuttosto che una persona che resta sulle sue idee e sminuisce i problemi per paura di affrontarli!
Dr. GIOVANNA OLIVERO
PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA 
SPECIALISTA ETA’ EVOLUTIVA
347.702.5158
Ricevo a Bra e Moncalieri