HomeChi siamoDove siamoPrendere Appuntamento
Aree Tematiche
FAQ - Domande e Risposte
adozione e affidamento
bsmbina_lenka                               adozione e affidamento


L'adozione è una importante possibilità per le famiglie che decidono di offrire affetto, protezione e stimoli educativi a bambini e adolescenti che non hanno più i genitori o che provengono da una famiglia in difficoltà, con poche risorse educative e affettive.

Se hai bisogno di aiuto noi possiamo offrirti psicologi altamente specializzati sulle problematiche dell'adozione e dell'affidamento, che da anni lavorano in rete con il Tribunali e con i servizi sociali per dare il massimo supporto psicologico alle famiglie adottive e affidatarie. 

aiuto ai genitori attravero consulenze psicologiche e sostegno alla famiglia

presa in carico della famiglia nella sua globalità con un percorso di terapia famigliare

psicoterapia del bambino o dell'adolescente adottato o in affidamento

consulenze legaliin casi di adozione nazionale ed internazionale



I genitori adottivi devono far fronte a difficoltà sconosciute ai genitori naturali: la nuova realtà familiare va presentata e fatta accettare a tutti i parenti, l'identificazione con il figlio è più difficile soprattutto se il bambino adottato non è piccolissimo, il bambino che arriva può essere molto diverso da quello desiderato.

L'adozione di un bambino nato in Italia, apparentemente meno problematica rispetto a quella di un minore straniero, pone difficoltà impreviste e difficilmente gestibili dalla famiglia adottiva dovute ad alcuni fattori: l'età dei minori dichiarati adottabili è sempre più elevata; sempre più spesso si tratta di minori che hanno alle spalle vissuti di privazione delle cure genitoriali da parte della famiglia di origine, trascorsi di abusi sessuali e gravi maltrattamenti, e che non da ultimo, sovente subiscono sulla propria pelle i ritardi nella tempistica dell'intervento dei soggetti istituzionali preposti alla loro tutela.

La famiglia che accoglie in casa propria un minore straniero incorre in ulteriori difficoltà legate alla differenza di lingua e cultura che divide i genitori dal piccolo accolto in casa, oltre che dal senso di abbandono e di sradicamento che il minore porta con sé all'ingresso nel nostro paese. Il clima, le tradizioni, la cucina, persino gli odori ed i colori della nostra terra sono radicalmente diversi rispetto a quelli della famiglia di origine del minore che arriva in Italia. Si può arrivare a chiedere ad un bambino spaventato, sofferente, abbandonato e molto spesso gravemente traumatizzato di riuscire a fare cose che nessuno adulto saprebbe fare: adattarsi senza problemi ad una vita nuova che il bambino non aveva chiesto né immaginato, ed a genitori nuovi e "strani" che senza dubbio lui non capirà subito e dai quali non verrà capito per molto tempo.


L'affidamento presenta problematiche analoghe a quelle adottive, con le complicazioni che derivano dal fatto di non sapere fino a quando il bambino starà con i genitori affidatari, dal contatto con la/le famiglie di origine del minore (spesso molto problematiche), dalla sofferenza del bambino che si trova ada vere tante femiglie e tanta cionfuzione in testa.



bambini cattivi, bambini difficili, bambini depressi, bambini tristi, psicologo bambini, psicologa bambini, bambini iperattivi, psicologo bambini, psicologia infantile, bambini agitati, bambini ribelli, adolescenti ribelli, psicologo adolescenti, psicologo infantile, psicologa infantile, psicologo bambini Moncalieri, bambini arrabbiati, adozione, affidamento, bambini adottati, famiglie adottive, famiglie affidatarie, percorso adottivo, trauma bambini, bambini maltrattati, violenza bambini, violenza infanzia