HomeChi siamoDove siamoPrendere Appuntamento
Aree Tematiche
FAQ - Domande e Risposte
Esperienze traumatiche

parlare ai bambini del terrorismo

terrorismo bambiniParlare dell'ISIS e del Terrorismo ai bambini

 

Gli atti terroristici e le azioni di guerra sono eventi tragici per mano di uomini che non si esauriscono in un singolo accadimento e che interferiscono profondamente con le certezze dei bambini insidiando l'idea che il mondo può non essere più un posto sicuro. In questi ultimi anni in particolare la ferocia delle azioni terroristiche ha sconvolto le nostre certezze e messo in discussione la nostra idea di sicurezza. Anche una chiesa, una spiaggia, una festa o un parco giochi possono essere potezialmente bersagli di azioni di guerra che provocano la morte di numerose persone.

Occorre quindi una rifessione su come proporre ai bambini, a seconda della loro età, una verità così angosciante e difficile da metabolizzare e da spiegare. Perchè un essere umano può uccidere persone innocenti con una tale ferocia ? E come possiamo sentirci nuovamente al sicuro ? Non è facile, anzi è anche in parte impossibile, dare risposte sicure ed esaustive a domande così.

 

L'associazione EMDR Italia si è occupata dell'argomento nel numero 31 (marzo 2016) della rivista di psicoterapia E.M.D.R. Questo perchè sempre più gli psicologi si trovano a dovere parlare con bambini e bambine che sono stati traumatizzati dalle azioni terroritiche dell'ISIS, dalle immagini che hanno visto in TV, dalle reazioni dei genitori o dei coetanei, ed a volte anche dal fatto che non è così raro che qualche amico o parente ne sia stato vittima.

In caso di ragazzi in età scolare i genitori devono monitorare o ridurre la visione delle immagini dell'evento in TV, immagini accompagnate da ansia e angoscia da parte sia del giornalista che le propone che dei genitori che le guardano.

Occorre poi aiutare i bambini a chiedere ciò che vogliono sapere attorno alla questione, cosa che ci permette di circoscrivere meglio il bisogno del minore in quel momento ed evitare spiegazioni inutili e complicate. Fare domande, ci ricordano gli autori dell'articolo sulla rivista EMDR (Enza Gidaro e Simona Vecli), insegna ai bambini a concentrarsi su di se e ad aumentare il loro livello di consapevolezza personale sulle emozioni. Domandare insegna a sua volta che si possono porre questioni ed avere dubbi oltre che certezze.

Il primo obiettivo è fare ordine fra le informazioni già in possesso dei bambini e capire ciò che loro desiderano conoscere. Occorre poi sempre dire la verità in modo chiaro, in rapporto all'età e alla capacità di comprensione del bambino.

E' infine importante che gli adulti mantengano la calma ed il controllo in quando “mediatori emotivi”; anche gli adulti possono infatti essere stati traumatizzati dalle immagini viste, e potrebbero parlare ai bambini in tono allarmato o angosciato, vanificando lo sforzo di tranquillizzarli.


Cosa dire ai bambini ?

Occorre far sapere ai bambini che ci sono persone, come polizia e personale sanitario, che stanno lavorano per risolvere le conseguenze degli eventi e garantire la sicurezza.

Utile è riportare i bambini al qui ed ora, al momento attuale, e farli contattare la sensazione di sicurezza che hanno in quel momento. Ed infine indispensabile è accogliere qualsiasi tipo di domanda, anche bizzarra, senza sgridarli o deriderli, accogliendo le emozioni qualsiasi esse siano e senza cercare di cambiarle o ridurle al silenzio.

Tanto più i ragazzi sono grandi, tanto più attingono le loro notizie dai telegiornali, dai telefonini e dal rapporto con i coetanei. Occorre quindi riuscire a fare con loro una conversazione sincera ed aperta, con domande del tipo: “ quale è la tua opinione al riguardo?”, “o cosa suggeriresti da fare ?”.

Può succedere che i bambini ed i ragazzi manifestino dei veri e propri sintomi da stress post traumatico, anche senza essere stati presenti direttamente all'evento. In tal caso è utile consultare uno specialista, in particolar modo uno psicologo che sappia usare l'EMDR. L'EMDR può anche essere utilizzato con un'intera classe,  qualora la situazione lo richieda, con un gruppo di bambini o di adolescenti.

bambini, emdr, emrd bambini, terrorismo bambini, isis bambini, bambini spaventati