HomeChi siamoDove siamoPrendere Appuntamento
Aree Tematiche
FAQ - Domande e Risposte
Esperienze traumatiche

Bibliografia sul trauma

guarire


Bibliografia sul trauma


Henry Krystal, "Affetto, Trauma, Alessitimia", 2007,  Magi Edizioni

Il testo approfondisce il tema dell'equilibrio emotivo,degli elementi che lo creano e lo rafforzano, di quelli che lo possono danneggiare e distruggere e sulle modalità di cura proposte dalla psicoterapia e da altre strade  che cercano di ripristinarlo. L'alessitimia, cioè l'incapacità di  riconoscere e  descrivere i propri sentimenti impedisce la guarigione e il ristabilimento dell'equilibrio.
L'autore analizza gli aspetti e gli elementi dannosi del trauma, ci fa comprendere la differenza  tra i traumi infantili e quelli vissuti in età adulta. Un capitolo, scritto da John Krystal,  dedicato alla diagnosi del trauma, aiuta a individuarne  la presenza, la gravità e l'estensione e offre strumenti valutativi, tratti anche dalle ricerche e dalle nuove conoscenze provenienti dalla psicologia cognitiva, sullo sviluppo psicologico infantile e sul ruolo giocato  dall'attaccamento.
Il volume è dedicato agli psicologi e psicoterapeuti ma anche a chi è interessato a conoscere gli effetti del trauma sul funzionamento mentale.



Bessel A. van der Kolk, Alexander C. McFarlane, Lars Weisaeth,"Stress traumatico, gli effetti sulla mente, sul corpo, e sulla società delle esperienze intollerabili", 2005, Magi Edizioni

La diagnosi del Disturbo Post-traumatico da Stress (DPTS) come disturbo derivante dall'aver subito una esperienza traumatica, avvenuto nel 1980, ha promosso le ricerche sulle modalità con cui le persone reagiscono a tali esperienze sconvolgenti. Il testo integra le più aggiornate conoscenze sul trauma con le scoperte cliniche compiute da chi ha lavorato con le persone traumatizzate
Gli autori evidenziano l' interdipendenza degli aspetti biologici, psicologici e sociali dell'esperienza traumatica nel generare effetti patologici, definiscono le modalità in cui tali elementi intervengono nella risposta al trauma e, nel caso di attaccamenti traumatici, come i traumi generino effetti devastanti nell'identità.
Il testo offre una ampia panoramica sia sugli effetti che le esperienze intollerabili producono sulla mente, sul corpo e sull'identità , che sugli aspetti della prevenzione, della diagnosi e del trattamento del Disturbo Post-traumatico da Stress.
Genitori in difficoltà

 

Lyliane Nemet-Pier, "Mio figlio mi divora", 2006, Magi Edizioni

Molti sono i genitori che si sentono divorati, esasperati, spossati o arrabbiati  dalle relazioni faticose e frustranti con i figli. Genitori che si lamentano o si arrabbiano, pur provando nel contempo sentimenti di tenerezza, sostegno, dedizione
Il libro affronta tali aspetti ambivalenti esistenti nella mente dei  genitori, quel misto di amore-odio che sovente succede di provare per il proprio figlio. L'autrice, attraverso l'esame di tali aspetti, che producono sensi di colpa e disagio nell'adulto, ne individua le origini, in relazione ai momenti dello sviluppo del bambino, distinguendo tra normalità e forme più gravi di disagio. Scoprire che questi sentimenti di fatica e di rabbia sono naturali e che ci  possono essere strategie operative per affrontarle per non farsi divorare dai propri figli, rappresenta una prospettiva liberatoria per il difficile mestiere di genitore.


Patrizia Romito Un silenzio assordante. La violenza occultata su donne e minori 
Franco Angeli 2006

Il silenzio da rompere è quello che nasconde la tragica e diffusa realtà della violenza sulle donne e sui minori.
Il libro è composto dai seguenti capitoli:
Violenze e discriminazioni contro le donne
I numero e la loro assenza; La frequenza delle violenze; I numeri delle discriminazioni; Le connessioni tra violenze e discriminazioni; Un modello per capire la violenza maschile
Le idee che hanno guidato questo libro
Il femminismo contemporaneo; L'apporto della riflessione epistemologica; Soggettività e significato: il contributo della psicologia e delle scienze sociali; Le donne sono persone; Un approccio internazionale)
Le tattiche di occultamento della violenza maschile
Eufemizzare: le politiche del linguaggio; Disumanizzare; Colpevolizzare le vittime; Psicologizzare; Naturalizzare; Distinguere, sperare
Le strategie di occultamento
La legittimazione della violenza in famiglia; La legittimazione fuori della famiglia: prostituzioni; La strategia per eccellenza: la negazione.

L'autrice propone un modello per capire i fondamenti  su cui si basano le discriminazioni nei confronti delle donne e le violenze sui minori 
Vengono messe in evidenza le strategie individuali e collettive  della legittimazione delle violenze: la negazione e la minimizzazione dei danni, l'eufemizzazione del linguaggio; la disumanizzazione delle vittime e la loro colpevolizzazione; le interpretazioni abusive.


Boris Cyrulnik , Elena Malaguti   Costruire la resilienza, la riorganizzazione positiva della vita e la creazione di legami significativi 
Erikson editore

Gli autori si sono dedicati a studiare la resilienza, cioè la capacità di resistere e affrontare  a situazioni traumatiche, attraverso i saggi e gli articoli scientifici dei maggiori esperti  in materia.
Mentre sono noti i danni sul piano psichico delle esperienze traumatiche, meno conosciuti sono gli aspetti della resilienza, qualità che rende alcune persone maggiormente in grado di reagirvi positivamente
Il testo, rivolto a psicoterapeuti, psicologi, assistenti sociali, medici, insegnanti, educatori, genitori, è importante per chi si trova ad affrontare la disabilità,,i piccoli e grandi traumi che si devono affrontare lungo la vita (morte, separazioni, incidenti, perdita del lavoro, guerra, catastrofi naturali, abusi, maltrattamenti).


Judith Lewis Herman
GUARIRE DAL TRAUMA   Affrontare le conseguenze  della violenza, dall'abuso domestico  al terrorismo

Editore Magi, 2005


L'autrice, Judith Lewis Herman dirige il dipartimento rivolto alle vittime di violenza presso l'ospedale di Cambridge e ha quindi una lunga esperienza nella cura di persone traumatizzate.
Il testo spiega con un linguaggio semplice e molto coinvolgente come si può aiutare un sopravvissuto a guarire dal trauma, prendendosene cura , ricomponendo con pazienza e attenzione i frammenti, ricostruendo la sua storia, fornendo un senso a  sintomi  che paiono inspiegabili.
Dal lavoro clinico svolto con vittime di abusi , di violenza sessuale e domestica, del terrorismo, con veterani di guerra e con sopravvissuti ai campi di concentramento la Herman individua la strada con la quale lo psicoterapeuta può aiutare queste persone a ristabilire i legami e a ritrovare la fiducia perduta, per poter vivere bene il presente e progettare il proprio futuro.


Bessel A. van der Kolk   Alexander C. McFarlane  Lars Weisaeth (a cura di)
STRESS TRAUMATICO Gli effetti sulla mente,  sul corpo e sulla società  delle esperienze intollerabili 

2005 Magi

Bessel A. van der Kolk, M.D. è direttore del Trauma Center allo Human Resources Institute Hospital di Brookline, Massachusetts, centro per la terapia dei bambini e degli adulti colpiti dal trauma; professore associato di psichiatria all'Harvard Medical School; già presidente dell'International Society of Traumatic Stress Studies.
La diagnosi  del Disturbo Post-traumatico da Stress (DPTS), definita  a partire dal  1980 dai ricercatori e dai clinici che hanno lavorato con veterani di guerra e con donne vittime di violenza,  ha dato il via a studi approfonditi  sulle modalità con cui le persone reagiscono alle esperienze traumatiche.
Le scoperte compiute dai clinici che hanno curato le persone traumatizzate hanno permesso non solo di diagnosticare il Disturbo Post-traumatico da Stress, ma anche di chiarire i passi della terapia che può consentire la presa in carico e il trattamento.  
Gli autori  evidenziano le connessioni tra gli aspetti biologici, psicologici e sociali dell'esperienza traumatica e ci permettono di comprendere  le modalità  differenti  con cui le variabili intervengono nella risposta al trauma e, come i traumi producano ferite psicologiche permanenti.


Altri testi

Borgogno F., Ferenczi, Strumenti per pensare il trauma, in Le vittime e gli attori della violenza, Atti del Convegno 7-8 novembre, 1997, Clinica di N.P.I., Università di Torino.

Briole G., Lebigt F, (1994) Le traumatisme psychique: recontre et devenir. Mosson

Corcq L., ( 1990)  Les  nevroses  traumatiques. Mosson

Cuzzolaro M., Frighi L.,(1991) Reazioni umane alle catastrofi  Fondazione Olivetti

De Zulueta  Felicity( 1999)  Dal dolore alla violenza, Milano, Raffaello Cortina 

Di Blasio P., Rievocare e raccontare eventi traumatici  nella rivista: Maltrattamento e abuso all'infanzia, vol. 3, n 1, aprile 2001 Milano, Franco Angeli

Gabbard G.O.(1995)  I disturbi dissociativi  in Psichiatria psicodinamica, Milano, Raffaello Cortina 

Greenacre P. (1986) " Trauma, crescita, personalità", Milano, Raffaello Cortina

Malacrea M. (1998), Trauma e riparazione, Milano, Raffaello Cortina

Mazet, (1997) Il trauma dell'incesto, Centro Scientifico Torinese.

A.A.V.V. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, D.S.M. IV , Il disturbo post traumatico da stress , pagg 468/477.

Spannocchi P., Cenerini M. ( a cura di) (2001), Stress trauma e psicoterapia Firenze, Edizioni Medicea

Shapiro F., Silk Forrest M. (1997) EMDR Una terapia innovativa per l'ansia, lo stress e i disturbi di origine psicosomatica Casa Editrice Astrolabio

Siegel D.J. (2001) La mente relazionale  Milano, Raffaello Cortina

Van Der Kolk, B.A., MC Farlane A.C., Weisaeth L. ( a cura di) (1996) Traumatic stress: the effects of overwhelming experienceon mind, body, and society. New York, Guilford Press.

 
Dettore D.,Fuligni C. (1999)  L'abuso sessuale sui minori, Milano, Mc Graw Hill

Il volume affronta il tema dell'abuso sessuale  da un punto di vista  peritale, clinico-terapeutico e preventivo, sia attraverso l'analisi della letteratura scientifica sull'argomento , sia attraverso l'esperienza professionale degli autori stessi. La trattazione attribuisce particolare rilievo al funzionamento delle strutture mnestiche, responsabile degli effetti che il trauma dell'abuso produrrà nella vittima, e pertanto al centro dell'intervento terapeutico, concepito come rielaborazione dei ricordi  traumatici.



De Zulueta F.  (1999) Dal dolore alla violenza, Raffaello Cortina, Milano


L'autrice presenta i processi intrapsichici attraverso cui le esperienze di grave maltrattamento/abuso  subite dai bambini, possono originare in loro comportamenti violenti quando diventano adulti. I vissuti di dolore ed impotenza sperimentati dai minori maltrattati e/o abusati ,in mancanza di un processo riparativo, possono trasformare dunque  la vittima in aggressore.



Gabel J.,Lebovici S., Mazet  P. Il trauma dell'incesto, Centro Scientifico Torinese


Gli autori esaminano i processi  psicologici che si attivano nei soggetti che vivono una situazione d'incesto, affrontando anche il tema del trattamento ,che deve essere rivolto non solo alla vittima dell'abuso sessuale, ma  anche ai suoi familiari e allo stesso autore della violenza.



Siegel D.J. (2001)  La mente  relazionale Raffaello Cortina, Milano

L'autore esamina le interazioni tra gli aspetti relazionali e quelli neurobiologici nello sviluppo della mente. Viene descritto come la presenza di situazioni di grave maltrattamento/abuso  possa avere effetti distruttivi sul cervello del bambino. Infatti la presenza di forti stati di stress, come nei casi di violenza subita, danneggia le aree cerebrali preposte alla regolazione delle emozioni. Le esperienze traumatiche esaminate riguardano in particolare quelle vissute in rapporto alle figure genitoriali.

 

bibliografia trauma psichico, bibliografia trauma psicologico, bibliografia cura trauma,