HomeChi siamoDove siamoPrendere Appuntamento
Aree Tematiche
FAQ - Domande e Risposte
Cosa facciamo

Il Test di Rorschach in ambito giudiziario


Il Test di Rorschach in ambito giudiziario


Fra le tecniche di indagine della personalitá piú apprezzate ed applicate in ambito forense troviamo il Test di Rorschach, spesso utilizzato nel campo delle Consulenze Tecniche d’Ufficio e di Parte (CTU e CTP) e nelle Perizie in cui sia richiesta una valutazione dello stato mentale di un soggetto adulto o minore.

Il metodo consiste nell’attribuzione di una definizione ad una serie di immagini ambigue e scarsamente strutturate. Il modo in cui le immagini proposte vengono percepite e definite, ci permette di rilevare e comprendere i principali aspetti strutturali della personalitá, la dinamica psicologica e le funzioni psichiche cognitive, affettive e sociali del soggetto esaminato.

Il Test di Rorschach, differentemente da altri test, possiede un tessuto connettivo fondamentalmente psicometrico, frutto di numerosi studi internazionali e di un lungo lavoro interpretativo. Va somministrato con rigore metodologico, secondo le regole dettate in maniera unificata da un metodo di interpretazione statistico e psicometrico e possiede un sistema di siglatura molto accurato che ha l’obiettivo di garantire riproducibilità ed attendibilità dei risultati. Queste caratteristiche permettono di evitare di giungere a conclusioni soggettive, opinabili o indimostrate, favorendone un valido impiego in sede giudiziale.

Il Test di Rorchach ci permette di ottenere una descrizione molto completa, articolata e attendibile della personalità di un soggetto nelle seguenti aree: strategie cognitive, gestione delle emozioni, relazioni interpersonali, autoimmagine, capacità di controllo e di tolleranza allo stress, eventuale presenza di stress attuale. È orientato ad indagare le dimensioni inconsce e strutturali della personalitá e puó essere utile per far luce su inclinazioni, caratteristiche, nuclei problematici e potenzialità latenti di cui il soggetto stesso potrebbe non essere consapevole o che potrebbe non voler esprimere e che sono, invece, di fondamentale importanza in una valutazione peritale.

Per quanto riguarda il rischio di falsificazione dei risultati, il Rorschach risulta essere uno strumento difficilmente manipolabile, sia per via della procedura di somministrazione che lo rende poco “controllabile” da parte dell’esaminato, sia perché i tentativi di simulazione o falsificazione (esagerazione o minimizzazione sintomatica per trarne vantaggi secondari) comportano un’incongruenza nei risultati.

In ambito Penale il Test di Rorschach trova un ampio utilizzo nei seguenti accertamenti:

- Valutazione della capacità di intendere e di volere al momento dei fatti ed in relazione ad essi;
- Idoneità psichica a testimoniare;
- Attendibilitá di una testimonianza;
- Valutazione della pericolosità sociale/rischio di agiti autolesivi;
- Valutazione della presenza oppure dell’aggravamento di una patologia precedentemente diagnosticata (disturbi psicologici, disturbi di personalitá, psicosi, eventi traumatici);
- Valutazione del tipo di intervento o trattamento più adatto per un soggetto coinvolto in un procedimento penale;
- Valutazione della condizione psicologica ed evolutiva;


In ambito civile il Test di Rorschach trova invece un ampio utilizzo nei seguenti accertamenti:

- Valutazione della presenza di danno biologico di natura psichica (per es. eventi di natura traumatica, burn-out, mobbing, stalking, lutto);
- Valutazione della capacità genitoriale;
- Valutazione dell’idoneitá all’affidamento o all’adozione di un minore;
- Valutazione della capacità di intendere e di volere di persone anziane o malate riguardo a problemi di eredità o di testamento

Partendo dal presupposto che ciascun reattivo valuta un aspetto coerentemente con il modo in cui è costruito e che una valutazione diagnostica può apparire incompleta e riduttiva se effettuata attraverso un solo test, anche il Test di Rorschach, come qualsiasi altro test, va utilizzato in sinergia con altri strumenti testali (scelti dall’esaminatore in base a ció che si intende indagare) e integrato con i risultati che emergono dagli altri momenti di indagine clinica (anamnesi, colloquio clinico).


Natutalmente il test di Rorchach può essere anche un valido strumento per fare una diagnosi in ambito clinicico, quando cioè lo psicologo o lo psicoterapeuta ha necessità di comprendere meglio il funzionamento psichico del proprio paziente.  Presso Synergia Centro Trauma somministriamo test proettivi, ed anche il test di Rorschach.

Dr. Cristina Cibrario, psicologa




Rorschach, test di Rorschach, test psicologici, perizie psicologiche, perizie, test perizie, test proiettivi, perito di parte, CTU, CTP