“INSEGNIAMO AI NOSTRI FIGLI A PENSARE LATERALMENTE”

Sono le parole di Ken Robinson, un ex insegnante di educazione artistica, oggi considerato uno dei più grandi esperti in campo educativo. Partendo dal concetto di CREATIVITA’, egli ragiona su come l’educazione e in particolare il sistema scolastico siano oggi basati su modalità antiche e non al passo con i cambiamenti sociali, culturali ed economici.
Egli si chiede: “qual è il tipo di educazione adatta alla nostra epoca?”
Per capire cosa egli suggerisce, vi invito a guardare questo video in cui egli stesso spiega in modo molto semplice il suo punto di vista. Egli parla di PENSIERO LATERALE, espressione coniata dallo psicologo maltese Edward De Bono, che indica una capacità di risolvere i problemi in modo creativo e da diverse prospettive. 
Non voglio anticiparvi altro… ascoltate!

Certo, creatività è saper inventare qualcosa dal nulla, aver ingegno e fantasia. Buone risorse soprattutto per affrontare momenti di crisi o difficoltà.
Vi riporto, per concludere, una vignetta che Robinson descrive in un’intervista, spiegando cos’è la creatività:

Una bambina, che ho conosciuto, stava facendo un disegno. La maestra le si avvicinò chiedendole cosa stesse disegnando. Lei le rispose che stava disegnando Dio. La maestra allora le disse che nessuno sapeva che immagine avesse Dio. Ma lei la lasciò a bocca aperta rispondendole: «Adesso, con il mio disegno, lo vedranno tutti“.

Dr. Giovanna Olivero
Psicologa- Psicoterapeuta
Specialista età evolutiva
Riceve a Bra e Moncalieri
cel.: 3477025158

LETTURE IN ADOLESCENZA: “COSE CHE NESSUNO SA”

E’ questo un libro che parla di adolescenza a chi di adolescenza ne sa… perché la sta vivendo in prima persona. Ma parla anche all’adolescente e al bambino che c’è in ognuno di noi.

Attraverso il personaggio di Margherita, l’autore, Alessandro D’Avenia, racconta di una quattordicenne che si ritrova ad affrontare nel pieno della vita un grande dolore, diventando a poco a poco una donna e trovando il coraggio di Telemaco per vivere il suo viaggio di vita. 
Egli scrive:

“Gioia e dolore vengono dal cuore e sono la chiave per entrarci. Gioia e dolore piangono le stesse lacrime, sono la Madreperla della vita e quel conta nella vita è mantenere intatto per pezzo di cuore, così difficile da raggiungere, così difficile da ascoltare, così difficile da donare, perché lì tutto è vero.”

Vi lascio con la presentazione multimediale del libro. Buon ascolto.

INCONTRO SULLA VIOLENZA ALLE DONNE

Continua la rassegna di incontri per approfondire la cultura sulla violenza verso le donne, intitolata:
“DAL MALUNORE AL FEMMINICIDIO”.
Il prossimo incontro in vista si svolgerà LUNEDI’ 28 APRILE 2014, alle 20,30, nella sede della   Fondazione Carlo Molo, a Torino, in via Sacchi 42/F:

“NESSUNA COLPA, NESSUNA VERGOGNA.
LE COLPE DEL SISTEMA,
LA PAROLA ALLE DONNE.”
L’incontro è a cura di Stefania Doglioli, PResidente del Centro Studi e Documentazione Pensiero Femminile, e Natascia De MAtteis, coordinatrice per il CSDPF dei progetti A.S.I.I.R. e MARIPOSAS.

Gli incontri vogliono indagare e migliorare la cultura intorno al tema della violenza verso le donne e attivare processi di sensibilizzazione che:

  •  rendano riconoscibili le condotte aggressive e maltrattanti
  •  favoriscano la possibilità di interrompere o trasformare i legami  violenti
  • facilitino lo svelamento di dinamiche troppo spesso celate da forti sentimenti di paura dell’abbandono e di esposizione al pericolo, di colpa e di vergogna
  • affrontare le dinamiche psicologiche e i cambiamenti socio culturali del ruolo maschile all’interno del delle relazioni affettive
  • informare sugli aspetti legislativi in vigore.


Associazioni coinvolte:

Il Progetto A.S.I.I.R.  (Ampliamento Strategie Implementazione
Integrazione Reti) contro la violenza di genere e stalking è coordinato dal
Servizio Pari Opportunità della Città di Torino. Il progetto si sviluppa in area
provinciale e ha come obiettivi: prevenzione e contrasto al fenomeno della
violenza ed implementazione della rete territoriale dei soggetti istituzionali
e del privato sociale impegnate sul tema.

Il Centro Studi
Pensiero Femminile
di Torino è nato nel 1955 da un gruppo di donne,
studiose, docenti universitarie e giornaliste per raccogliere il materiale
prodotto dal femminismo in Italia, per classificarlo, conservarlo e metterlo a
disposizione delle/degli studiose/si. È uno dei Centri di documentazione
delle donne associato alla Rete Lilith che collega i CDD italiani e che cura la
catalogazione informatica di libri e documenti prodotti dal movimento delle
donne.

MALATTIE RARE E DISABILITA’: con gli occhi dei bambini.

Una favola sulle malattie rare realizzata dai bambini per i bambini.

In occasione della VII Giornata mondiale delle malattie rare, il 26 febbraio 2014 è stato presentato, all’Istituto Superiore di Sanità, il progetto “Con gli occhi tuoi”, videofavola per raccontare le malattie rare, creata dalla fantasia di bambini della II e III elementare.
“Con gli occhi tuoi” è una favola per grandi e piccoli che affronta il tema dell’inclusione e dell’integrazione attraverso la vicenda di un bambino fragile divenuto eroe grazie alla musica e ai suoi amici. Per vincere l’isolamento e la paura partendo dalla scuola, laddove si forma l’umanità delle cittadine e dei cittadini di domani.

La storia racconta di un bambino fragile, Robertino, e di una banda di “odiatori” cattivi che escludono Robertino e lo isolano perché ha una malattia che lo rende diverso e più fragile. I bambini, con la vicenda di Robertino imparano a riflettere sulle malattie rare, ma soprattutto sulla condizione di fragilità e regalano a tutti, adulti compresi, una grande lezione sulla capacità di trovare ragioni per unire invece che per dividere.
La favola è interamente realizzata dai bambini per i bambini. Gli allievi delle classi Ermenegildo Pistelli e Giacomo Leopardi di Roma hanno inventato la trama e realizzato i disegni (poi rielaborati dall’artista Vera Puoti); le musiche del video sono state eseguite dagli allievi della Scuola di musica Sylvestro Ganassi.  
Il progetto, promosso dal Ministero della Salute e realizzato dall’ISS in collaborazione con l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e con il patrocinio del Centro per la Pastorale della Salute del Vicariato di Roma, può essere esteso a tutte le classi.
La favola e i materiali, compresa una Guida all’Uso per i docenti è scaricabile dal portale dedicato del Ministero della Salute, da cui è tratto questo articolo:
Qui di seguito vi presentiamo il trailer, tratto dallo suddetto sito.
SYNERGIA CENTRO TRAUMA appoggia questa iniziativa e ne condivide lo spirito.
Synergia Centro Trauma offre supporto e accompagnamento psicologico a chi soffre di queste malattie e a chi li affianca, vivendole in modo indiretto.
Chiama al 3356765376 o al 3315049340. 
Ti risponderà sempre una psicologa, con cui potrai parlare, fissare un appuntamento o richiedere informazioni. 
Dott. Giovanna Olivero